Archives

Sono Io

Progetto artistico sviluppato per Casa Caval’unico centro culturale ipogeo al mondo, un auditorium prestigioso per le riviste internazionali di architettura, il simbolo della parabola storica e della rinascita culturale di Matera, Capitale europea della cultura per il 2019.

Per Casa Cava ho pensato a l’intimo luogo dell’abitare, al connubio profondo che si radica tra le viscere della terra madre, che accoglie e riconosce chi da lei si nutre e la difende riconoscendola a sua volta.
“SONO IO” è una scultura, un piatto a forma di mappa, sinonimo di nutrimento e di condivisione, formatasi dai percorsi delle persone che da millenni la vivono, una mappa organica, una mappa modellata dalla geografia naturale.
“SONO IO”  lo si pronuncia quando si entra a casa
“SONO IO” quando si sa di essere riconosciuti
“SONO IO” quando mi guardo allo specchio e ritrovo me stesso
“SONO IO” quando trovo…nel piatto… il cibo che nutre il mio “io”

TITOLO: “SONO IO”
Scultura,  Tecnica: Terra cotta smaltata bianca
CM. 90X 40
2019

“SENSE OF PLACE” , collettiva per Casa Cava, Matera, Italia

MAPPA MONDO – GEOGRAFIA MADRE

L’opera celebra la linea dello SPAZIO e del TEMPO attraverso il filo che ricama la storia del MAPPA-MONDO ed i tessuti che lo hanno vestito come il lino, la lana, il cotone, la seta il nylon,

attraverso la colorazione degli stessi, con colori naturali estratti da piante e con inserti vari come il papiro ed il “capim dourado”.

Una GEOGRAFIA-MADRE inno alla biodiversità ed ad un futuro possibile della stessa.

L’opera è un dittico composto da due tele ricamate e tinte ed ogni tela presenta due dei quattro elementi e due grandi continenti, i continenti geografici, circondati da oceani:

Eurafrasia, America, Oceania, Antartide.

Eurafrasia, America (vecchio e nuovo continente) FUOCO-TERRA

Oceania, Antartide (nuovissimo continente) ACQUA-ARIA

Eurafrasia è un puledro dal manto pezzato, disegnato su linea frammentata che galoppa verso la silhouette del nuovo mondo, l’ America. Un inno al cavallo che con l’uomo ha disegnato le mappe e percorso la storia del vecchio e del nuovo mondo. 
Oceania è una sirena colorata, il richiamo affascinante del futuro, fatto di acqua, e di nuovo spazio. L’opera è un’installazione che comprende: il dittico ed un book progettuale con scritti e disegni preparatori del progetto e delle piante usate per la realizzazione delle tele.

MATERIALI -TECNICA: tele di lino, cotone, seta, nylon, colori naturali estratti da piante, filo di lana, inserti di piante, ricamo.